LA STORIA

Benché conosciuto come un sistema del sud, il Choy Li Fut 蔡李佛 ha origini anche nel nord della Cina.
Il fondatore dello stile, Chan Heung 陳享, ebbe, infatti, tre maestri: due del sud e uno del nord. Questo fa sì che il Choy Li Fut 蔡李佛 sia uno dei pochi stili con una solida influenza del kung-fu cinese settentrionale e meridionale,  combinando tecniche di mano a lungo raggio (caratteristica del sud) con agili e veloci spostamenti di gambe  (caratteristica del nord).
Il Choy Li Fut 蔡李佛 fu fondato nel 1836 da Chan Heung 陳享 un famoso e abilissimo artista marziale di quel periodo. Anche conosciuto come Din Ying 典英 e Daht Ting 逹庭, Chan Heung 陳享 nacque il 23 agosto 1806   (7° luna, 10° giorno, anno 1806 del calendario lunare) a King Mui 京梅 (Jing Mei), un villaggio nel distretto di San Woi 新會 (Xin Hui), nella provincia del Guangdong 廣東.
La sua vocazione per le arti marziali iniziò all’età di sette anni, quando andò a vivere con suo zio Chan Yuen-Woo 陳遠護. Yuen-Woo era un famoso artista marziale del leggendario tempio Shaolin di Fujian 褔建. Da Chan Yuen-Woo 陳遠護, Chan Heung 陳享 apprese l’arte del kung fu di Shaolin del sud e divenne esperto già all’età di quindici anni, tanto che poteva sconfiggere qualsiasi sfidante dei vicini villaggi.   Dopo qualche anno, vicino ai diciassette anni, Chan Heung 陳享 era pronto ad assimilare altre abilità marziali.
Così, Chan Yuen-Woo 陳遠護 lo accompagnò da Li Yau-San 李友山, un fratello di pratica più anziano di Yuen Woo del tempio Shaolin del sud. Qui Chan Heung 陳享 passò i successivi quattro anni a perfezionare il suo kung-fu sotto l’occhio attento di Li Yau-San 李友山.
Era evidente a Li Yau-San 李友山 che, dopo soli quattro anni di allenamento, Chan Heung 陳享 era di nuovo pronto per passare ad un livello superiore. In 10 anni, raggiunse lo stesso livello nel kung fu di Chan Yuen Woo 陳遠護 e di Li Yau-San 李友山 i quali, invece, ne avevano impiegati 20. Li Yau-San 李友山 ritenne allora che il miglior insegnante per Chan Hueng 陳享 fosse un monaco che viveva come eremita sul monte Lau Fu 羅浮山. L’unico problema era che quel monaco, Choy Fok 蔡褔, non desiderava più insegnare arti marziali. Voleva essere lasciato solo per dedicarsi esclusivamente alla dottrina buddista.
Chan Hueng 陳享 capì che per poter raggiungere un livello più alto nel kung fu doveva assolutamente trovare il monaco e divenire suo discepolo e così inizio un lungo cammino verso il monte Lau Fu 羅浮山. Il nome Buddista di Choy Fok 蔡褔, era Ching Chou 青草 (Erba Verde) mentre il suo soprannome era “testa sfregiata”. La testa di Choy Fok 蔡褔, infatti, si bruciò gravemente quando prese i voti come monaco buddista, poi guarì, ma purtroppo gli lasciò delle brutte cicatrici.
Armato della sua conoscenza, Chan Hueng 陳享 chiese a chiunque potesse aiutarlo a trovare Choy Fok  蔡褔 sul monte Lau Fu  羅浮山. Finalmente egli trovò il monaco e gli consegnò una lettera di raccomandazione da parte di Li Yau-San. Dopo aver aspettato pazientemente di essere accettato alla disciplina di Choy Fok 蔡褔, rimase alquanto stupito quando il monaco lo respinse. Dopo molte suppliche da parte di Chan Hueng 陳享, Choy Fok 蔡褔 acconsentì a prendere il giovane come studente ma solo nello studio del Buddismo. Così, Chan Hueng 陳享 studiò il Buddismo per molte ore al giorno con il monaco dalla testa ferita, praticando le arti marziali da solo nella notte.
Un giorno, alle prime ore del mattino, Chan Hueng 陳享 praticando il suo kung-fu, eseguiva delle spazzate con le gambe su dei cespugli di bambù molto robusti e, calciando in alto delle pietre le colpiva in volo facendole a pezzi prima che potessero toccare il suolo. Improvvisamente apparve il monaco e gli chiese se quello fosse il meglio che potesse fare. Chan Hueng 陳享 restò meravigliato quando Choy Fok 蔡褔 indicò una grossa pietra pesante più di 30 chilogrammi ( 80 libbre) e gli disse di gettarla con un calcio a 3,5 metri di distanza (12 piedi). Chan Hueng 陳享 esercitò tutta la sua forza per affrontare l’impatto contro la roccia, mandandola a stento ai 3,5 metri di distanza. Invece di complimentarsi, Choy Fok 蔡褔 mise il piede sotto la pesante pietra e molto agevolmente la buttò in aria. Di fronte a questa dimostrazione di eccezionale capacità, Chan Hueng rimase molto affascinato. E lo supplicò nuovamente di accettarlo come discepolo di arti marziali. Allora, Choy Fok 蔡褔 acconsentì e per otto anni gli insegnò sia la dottrina buddista che le arti marziali. All’età di 29 anni, Chan Heung 陳享 lasciò il monaco e tornò al villaggio di King Mui dove passò i successivi 2 anni a rivedere e perfezionare tutto quello che aveva imparato da Choy Fok 蔡褔, dopodichè sviluppo il suo nuovo sistema di kung-fu.
Nel 1836 codificò ufficialmente il sistema Choy Li Fut 蔡李佛, chiamato così in onore dei suoi due insegnanti Choy Fok 蔡褔 e Li Yau-San  李友山, e usando la parola Fut, che in cinese significa Buddha, per rendere omaggio allo zio, Yuen Woo 遠護 e alle radici Shaolin del nuovo stile.
Chan Hueng 陳享 fondò una scuola di arti marziali nel tempio originario di famiglia del suo villaggio per insegnare il nuovo sistema.  In poco tempo la sua fama si divulgò nei villaggi vicini e centinaia di persone vennero ad imparare il Choy Li Fut  蔡李佛.